?

Log in

No account? Create an account
ussaro

IL BLOG SULL'ORLO DEL MONDO

Scrittura, narrativa di genere, cinema, misteri, ucronia e altre amenità.

Previous Entry Share Next Entry
Protoscienza: le entità metafisiche viste con gli occhi dei bambini
ussaro
mcnab75
 

Cosa sono gli incubi dei bambini? Solo fantasie della mente durante la fase del sonno? Oppure no? Un tale interrogativo se lo sono posto ormai da diversi anni molti studiosi, che certamente seguono una strada sensibilmente eterodossa rispetto a quella tradizionale. Fra questi, Arthur Guirdham, psichiatra inglese che ha anche lavorato a Londra come consulente di un centro psico-pedagogico; egli sostiene che i bambini possono vedere il diavolo e le forze del male in azione, e che tali esperienze li traumatizzano per tutta la vita.
Il perché in genere non ne parlano con gli adulti, sarebbe spiegato dallo studioso col fatto che dopo le prime volte in cui raccontano cosa hanno "vissuto", i piccoli si rassegnano perché si rendono conto che tanto non sono creduti.
Ciò che colpisce è che anche lui afferma di aver avuto una simile esperienza quando era piccolo. Insomma, secondo queste scuole di pensiero, anche i comuni incubi piuttosto che le paure di mostri e quant'altro - tutte situazioni che caratterizzano le notti di molti bambini e che sono da inserire nella generica categoria di "paura notturna" - sarebbero da imputare a entità metafisiche, perlopiù diaboliche.
In base alle statistiche realizzate finora, facce sogghignanti e satiresche sarebbero la forma più comune di terrore notturno. Queste esperienze sarebbero veri e propri contatti che il bambino ha sul piano parapsicologico e si tratterebbe quindi di fenomeni più medianici che psicologici. I "cuccioli" di umani li percepirebbero perché più ricettivi degli adulti, in quanto nei primi anni di vita la psiche e la personalità - resa fortemente "razionale" dalle convenzioni sociali - sono meno legate l'una all'altra. Inoltre sul punto di cadere nel sonno, il contatto tra psiche e personalità è ulteriormente allentato.
Siamo sicuri - questo è il dubbio sollevato da Guirdham e da chi la pensa come lui - che ciò che gli adulti non vedono sia solo fantasia o addirittura lucida menzogna dei bambini? Fantasie, incubi, visioni di film o ascolto di narrazioni suggestive: questi i motivi a cui gli adulti adducono le notti tormentate dei piccoli... Ma se non fosse sempre così? Se non si trattasse sempre di esperienze oniriche o fantastiche? (fonte: www.nonapritequelportale.com)



Molti libri sono stati scritti sull'argomento, alcuni anche ben fatti. Da parte loro gli psicologi, tuttavia, si muovono generalmente dal punto di vista di una scienza immanentista e materialista, per cui essi danno per scontato che non bisogna cercare fuori della mente la spiegazione di qualunque processo od evento, per quanto insolito. Valga per tutti il caso dei cosiddetti "compagni di giochi immaginari", che tutti gli psicologi di formazione accademica interpretano unicamente come una creazione della fantasia di bambini particolarmente sensibili ed emotivi e abituati, per le più varie circostanze, a trascorrere troppo tempo da soli.
Solo pochissimi studiosi hanno osato sfidare il paradigma materialista della psicologia moderna e hanno sostenuto, ad esempio, che certe forme di "pavor nocturnus", e gli stati nevrotici che ne derivano, sono spiegabili ammettendo che i bambini possiedano la facoltà di vedere e sentire realtà ultra-dimesionali, quali l'apparizione di creature demoniache: esperienze che, di norma, essi non osano confidare agli adulti, anche perché sanno che non verrebbero creduti. 

L'esorcista e studioso Corrado Balducci riporta, con dovizia di particolari, il celebre casi di due fratelli, due bambini alsaziani che, nella seconda metà del XIX secolo, furono vittime di una prolungata possessione demoniaca che mise a soqquadro l'intero paese. Ed è noto che i testimoni di numerose apparizioni mariane - da Lourdes, a Fatima, a Medjugorie - furono bambini o adolescenti nell'età puberale; così come lo sono, di norma, i presunti agenti del fenomeno del "poltergeist". E, inoltre, è noto che la quasi totalità delle fiabe, dei racconti e delle storie popolari relativi a gnomi, elfi, coboldi, folletti e altre simili creature, vedono coinvolti - appunto - dei bambini (come lo era Alice, la protagonista dei due fortunati romanzi di Lewis Carroll).
Anche al giorno d'oggi, vi è chi sostiene che il "piccolo popolo" delle strane creature del folklore esiste tuttora, per quanto sia estremamente elusivo nei confronti degli esseri umani. Il più convinto sostenitore dell'esistenza di questa Seconda Razza era lo scrittore inglese Arthur Machen (1863-1947), specializzato in romanzi e racconti del terrore, fra i quali "Il gran dio Pan" e "La casa degli spiriti", molto apprezzati dai cultori del genere. Anche sir Arthur Conan Doyle, il celeberrimo inventore del personaggio di Sherlock Holmes, si era convinto dell'esistenza delle fate, dopo che due bambine inglesi le avevano vedute e fotografate, nel 1920 (anche se, molti anni più tardi, una di queste ultime confessò che si era trattato di uno scherzo).


Lo parapsicologo americano William G. Roll sostiene che la mente di un soggetto medianico può creare da se stessa l'apparizione che percepisce. Egli ammette che le tracce psichiche del passato, immagazzinate, possano dare luogo a fenomeni di apparizione, ipotesi che avevamo già considerata in "La personificazione come fenomeno parapsicologico". Al tempo stesso, però, Roll ipotizza che le condizioni mentali del percettore possano svolgere un ruolo attivo della comparsa delle apparizioni, al punto da poter creare inconsciamente delle infestazioni, onde poter soddisfare talune proprie necessità di tipo emotivo. Per esempio, la scomparsa improvvisa di una persona può impregnare l'ambiente in cui viveva, la sua casa, al punto da creare, mediante una speciale rispondenza nei nuovi inquilini di essa, una realtà oggettiva, una sorta di semi-personalità, quasi per riempire il vuoto che si è venuto a creare. (fonte: www.edicolaweb.net/ )
 

  • 1
Nell'articolo citi cose molto diverse tra loro, pur accumunate da una possibile origine comune. Per certo posso dirti che i fenomeni di poltergeist esistono, pur non arrivando alla spettacolarità dell'omonimo film. A mia conoscenza sono sempre associati alla presenza di uno o più adolescenti problematici e/o traumatizzati.

Per certo puoi dirmi che i fenomeni di poltergeist esistono?
Se hai tempo e voglia, mi specificheresti in che senso?

Mailcheck.

Beh, sicuramente è un argomento intrigante. Comprendo la scienza e il suo punto di vista. Difatti essa si basa sulla sperimentazione e l'osservazione dei vari fenomeni per comprenderne regole e dare spiegazioni.

Il fatto è che certe cose non sono facilmente sperimentabili e osservabili. Se solo i bambini le vedono, se loro non sono in grado di descriverle in modo scientifico, diventa complicato poter costruire delle teorie credibili.

Ci vorrebbero strumenti in grado di vedere attraverso i canali a cui i bambini (teoricamente) sono sensibili. Chissà, forse qualcosa si sta facendo in questa direzione; se siamo in grado di andare nello spazio, di osservare pianeti lontani anni luce da noi, chissà che un giorno non si riesca a vedere ciò che oggi "solo i bambini" vedono.

Glauco
31ottobre.blogspot.com

Credo che il miglior commento a questo genere di speculazioni sia contenuto ne Il Signore delle Mosche, di Golding. Nei cuori dei bambini terrorizzati di fronte all'ignoto il cadavere di un paracadutista diventa il demonio stesso. Proprio in questo risiede forse la grandezza dell'opera, nello smascherare il meccanismo che genera questo tipo di superstizioni. I bambini vedono spettri dietro ogni angolo. Normalmente non vengono creduti, com'é giusto che sia. Laddove invece ciò avviene, bisogna chiedersi perché. I luoghi in cui l'irrazionale infantile viene istituzionalizzato disegna una precisa carta topografica dell'ignoranza e soprattutto dell'interesse politico - fenomeni spesso strettamente (e colpevolmente) collegati.

Fitz

  • 1