?

Log in

No account? Create an account
ussaro

IL BLOG SULL'ORLO DEL MONDO

Scrittura, narrativa di genere, cinema, misteri, ucronia e altre amenità.

Previous Entry Share Next Entry
Recensione: Malarazza (di Samuel Marolla)
ussaro
mcnab75


Malarazza
di Samuel Marolla
Epix Mondadori n°8
251 pagine, 4.90 euro

Sinossi

È l'ombra ignota che sussurra alle nostre spalle. È l'ultimo vicolo in­fame della megalopoli corrotta. È la mannaia incrostata con la quale vengono perpetrati orribili delitti. È la cantilena ossessiva ripetuta senza fine da voci maledette. È il cane mutilato che sembra usci­to da un incubo allucinatorio. È la congregazione di dementi pron­ta allo sterminio nell'attesa dell'Apocalisse. È il calderone ribollente dal quale tracima schiuma nera e infetta. È l'affabulatore cieco che conosce tutte le strade del mondo dei non-morti. È l'indifferenza le­tale di chi sa ma sceglie di guardare dall'altra parte. Tutto questo e molto, molto di più, è il popolo delle tenebre, la Malarazza.

Commento

A differenza di tanti altri colleghi del "giro giusto" non conoscevo affatto Samuel Marolla. Per questo la pubblicazione della sua antologia per Epix (collana Mondadori da edicola) mi aveva un po' spiazzato. Anche perché, dalle solite leggende metropolitane che circolano nell'ambiente, le antologie di esordienti di solito non vengono calcolate nemmeno di striscio dagli editori.
Sta di fatto che, comprato e letto il libro di Marolla, devo dire che sarebbe stato un peccato mortale non pubblicarlo.
I racconti di questo scrittore milanese sono, senza fare troppi giri di parole, quanto di meglio ho trovato nel campo della narrativa breve di genere negli ultimi anni.
Storie molto dark, ma senza mai rinunciare a una spruzzata di humor nero, con ambientazioni prettamente italiane (anzi, milanesi), che vanno a ridefinire il concetto di horror metropolitano, mischiando vecchie suggestioni tipiche di questo settore, con nuovi spunti che prendono qua e là tra cinema e fumetti.
Si va dalle bambine demoniache di "Sono tornate" alla Milano spettrale e ferragostana de "La pista ciclabile". Passando da una fiaba nera come "Tè nero", per arrivare al racconto in stile Ai confini della realtà, "Candelora". Tralasciando un solo passo falso, l'inutile "Tequila e peccati", Marolla sfiora anche il genere splatter, che per fortuna però viene confinato a un unico racconto. Dico per fortuna perché l'autore si fa apprezzare soprattutto nelle sue storie che ammiccano a fantasmi moderni, che abitano condomini miasmiali, a streghe vestite da vecchie signore rimbambite, che abitano nella periferia della città, a culti lovecraftiani insiediati in quartieri sonnolenti e anonimi.
Sangue e frattaglie non servono a Marolla per creare piccoli quadri di orrore nascosto, quotidiano ma non banale, bensì aperto a sguardi su altre dimensioni, quelle dell'ignoto.
Una delle cose che più si apprezza nella raccolta è il susseguirsi di racconti ambientati in estate, invece che nei consueti inverni nebbiosi.
Per chi conosce Milano è indubbio che proprio i mesi più caldi (agosto in particolare) sono anche i più spettrali e borderline. Col caldo la gente normale fugge al mare o si chiude nei supermercati refrigerati dall'aria condizionata, mentre nei vicoli, nei parchi colpiti dalla canicola, fanno capolino tizi strani e storie inquietanti.
Ecco, Marolla dà il meglio di sé in queste prove, ottenendo risultati superbi.
La mia personale classifica:
1. La pista ciclabile
2. Tè Nero
3. L'estraneo

Sarebbe interessante vedere l'autore alle prese con qualcosa di più lungo, ma ho il sospetto che la sua dimensione sia proprio quella della narrativa breve. Ci voleva uno così.
Riassumendo: la migliore uscita della collana Epix dalla sua nascita a oggi, nonché la migliore antologia horror che ho letto negli ultimi - esageriamo - cinque anni.
Acquisto non suggerito, bensì indispensabile.


  • 1
Mooolto interessante!! ^_^

Glauco

Oggi problemi di connessione incredibili!
Comunque, dopo tanto penare, sono riuscito a collegarmi per scoprire, per l'ennesima volta, questo libro di Marolla recensito. Mica male. Ma magari lo compro tra un po', per non farmi influenzare...

ciao!
elgraeco

bookandnegative.altervista.org/blog

Grazie della segnalazione ;)

Il Marp

Condivido ogni singola parola.
Il mio preferito è Tè nero, seguito da Sono tornate e Coccodrillo, ma sono davvero tutti bellissimi, dal primo all'ultimo.

silente

Lo sto leggendo in questi giorni, per ora sono circa a metà. Devo dire che Marolla ha una padronanza della narrazione veramente eccezionale. Grande raccolta, non posso che concordare!

Ciao,
Kick

  • 1