Alessandro "McNab" Girola (mcnab75) wrote,
Alessandro "McNab" Girola
mcnab75

Case infestate d'Italia: un tour

La casa dalle finestre che ridono

Non soltanto frutto della fantasia di registi e scrittori, la lista delle dimore «infestate», entrate nelle leggende popolari, è lunga quanto lo Stivale. Ma a quelle più storiche, avvolte per tanti secoli nel loro alone di mistero e trasformate per questo in musei, si sommano oggi molte altre case del terrore, teatri di delitti raccapriccianti. Sono questi i luoghi eletti a mete privilegiate per turisti alla ricerca di un viaggio originale che faccia uscir fuori dalla solita routine. Le più moderne sono ormai accompagnate dalla fama di maledette, perché scenari di tragedie sanguinose e tristi fatti di cronaca. Sostare a pochi passi dalla villetta di Cogne o di Garlasco, camminare in Via della Pergola a Perugia o ammirare come se fosse un monumento la casa di Erba sembra essere diventata una moda. Repellenti e affascinanti al tempo stesso, le scene dei delitti di ieri e oggi attraggono il pubblico bene informato, sempre allo stesso modo, soddisfacendo una morbosa e umana curiosità.

Limitandoci alle dimore veramente storiche, gli appassionati dell’horror d’autore possono scegliere di visitare edifici, che in realtà non hanno nulla di inquietante nei loro ambienti interni. Solamente per il gusto di passeggiare in un set cinematografico, ottima destinazione è allora villa Scott a Torino, alias la «villa del bambino urlante» di Profondo rosso, che in origine era dimora di un convitto femminile gestito dalle suore spedite in vacanza premio durante le riprese. Chi invece preferisce la fertile pianura padana, nell’entroterra bolognese, può fare un salto al casolare di Fiorenzo a Malalbergo, abitazione del pittore Legnani, morto suicida. Un luogo sicuramente inquietante, che si racconta fosse abitato dalle minacciose sorelle dello stesso. E' proprio questa villa ad aver ispirato Pupi Avati per la sua Casa dalle finestre che ridono.

Nei dintorni di Voltri, a Genova, sorge la Cà delle anime, un tempo locanda, i cui gestori assassinavano i clienti, ammassando poi i corpi in un fosso. Entrata nel mito, da allora la casa continua a essere dimora di anime dell’oltretomba, davvero irrequiete e aggressive, che si narra provochino la caduta di pentole e mobili, tanto che nessuno ha più avuto il coraggio di abitarvi. A pochi chilometri da La Spezia, si trova la Casa del violino, un luogo che stimola certamente l’immaginazione di grandi e piccoli. Vi abitava un musicista, ma misteriosamente, dopo la sua morte, i passanti raccontarono d’aver sentito suonare lo strumento da solo, accompagnato da terrificanti urla provenienti dalle finestre.

Ca' delle anime, a Voltri.

Tra Padova e Venezia, vicino a Mira, lungo il canale del fiume Brenta, si trova invece Villa Foscari, conosciuta con l’appellativo de La Malcontenta. In essa si dice che si aggiri lo spettro della «Dama Bianca», che la gente associa ad una certa Elisabetta, aristocratica del ‘700. A causa della sua indole libertina, la donna venne rinchiusa nella villa fino alla sua morte. Secondo alcuni racconti popolari si dice che la ragazza dai capelli rossi, comparirebbe nelle stanze, indossando un lungo vestito nero con le spalle scoperte.

A Cona, vicino a Ferrara, c’è Villa Magnoni, il cui aspetto desta sicuramente curiosità, per via delle finestre murate eccetto una. Si pensa che la causa fosse da collegare ad un incidente avvenuto verso la fine degli anni ‘80 e nel quale morirono tre ragazzi, entrati nella villa alla ricerca di insolite emozioni. I giovani udirono canti di bambini provenire dal giardino, ma all’uscita non trovarono nessuno, soltanto una vecchia signora affacciata alla finestra, che diceva loro di andarsene, ricoprendoli di insulti. Quattro di loro scapparono terrorizzati e poco dopo ebbero un incidente, nel quale morirono in tre. Il comune fece murare tutte le finestre, tranne una. Il sopravvissuto disse che la vecchia signora era apparsa proprio da quella finestra.

La scuola infestata di Croara a San Lazzaro di Savena

Un mistero inquietante è quello che avvolge la scuola elementare della Croara a San Lazzaro di Savena (Bologna), chiusa dopo la morte di un alunno, spinto da un compagno giù per le scale. Dopo la tragedia, improvvisi malori colpirono il corpo docente e cominciarono anche a verificarsi strani incidenti, come allagamenti improvvisi dei bagni e rumori di pianto provenienti dal fondo delle scale. Il preside finì per licenziarsi e la scuola chiuse, ma il luogo rimase parte della leggenda locale. Si dice che all’ora della morte, tra le aule, si possa sentire un pianto di bambino accompagnato dal suono di una palla che rimbalza.
- - -
Fonti: www.lastampa.it
theswordman.livejournal.com/


Tags: fantasmi, luoghi misteriosi, misteri
Subscribe

  • Bonsai, esploratori e guerrieri

    Il Mercoledì notte sta diventando un appuntamento semi-fisso con le segnalazioni "veloci", ma non per questo meno succose. Oggi vi anticipo la…

  • Luoghi abbandonati e valli stregate

    Due segnalazioni notturne veloci veloci, ma gustose. La prima riguarda il nuovo appuntamento con L'Almanacco del Crepuscolo del Nero Cafè.…

  • Demoni orientali e vapori italiani

    Session domenicale di sole segnalazioni sfiziose. Domenica prossima dovrebbe tornare il “dietro le quinte” di Borgo Pliss, visto che in…

  • Post a new comment

    Error

    Comments allowed for friends only

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

  • 6 comments