Alessandro "McNab" Girola (mcnab75) wrote,
Alessandro "McNab" Girola
mcnab75

Sognare la Grande Onda



Danilo Arona ne parla ne L'Estate di Montebuio, che forse è il suo romanzo migliore (insieme all'imprescindibile Black Magic Women). Magari è già capitato anche a voi. Di far cosa? Di sognare la Grande Onda.

Per capire meglio ciò di cui parlo, vi cito direttamente un esplicativo articolo di Reporter Live Italia:
"Da alcuni anni, diverse persone in tutto il mondo fanno un sogno ricorrente: un'onda altissima, gigantesca, si abbatte su città, palazzi, colline e persone, travolgendo tutto e creando uno sconvolgimento totale. Quello che lascia interdetti per prima cosa è l'incredibile quantità di persone che fanno questo sogno, e poi il fatto che lo stesso sogno sia ricorrente, cioè le persone lo fanno spesso, con sempre piu dettagli o varianti (ad esempio ad ogni sogno l'onda o le onde diventano piu forti, piu vicine, etc), e anche il tipo di persone che hanno questi sogni. Per la maggior parte si tratta di persone che hanno una certa coscienza di se e dell'universo che li circonda: persone che da anni fanno Yoga o meditazione o arti marziali o training spirituali di qualche tipo.
L'articolo completo (qui) fa tuttavia dei riferimenti alle abduction aliene, che mi vedono scettico. Mi pare una spiegazione semplicistica e un po' troppo forzata.

Tornando ad Arona, che di queste cose se ne intende più di me e di voi cinquecento messi insieme, vi cito questo suggestivo passaggio del suo articolo:
"L'Onda ha cominciato a infestare l'inconscio del mondo con il superamento del confine tra il vecchio e il nuovo millennio. In verità qualche isolata e troppo fioca voce si era levata dal continente australiano già alla fine degli anni Settanta, laddove decine di aborigeni dichiaravano di avere visto nel Tempo del Sogno l'imminenza di una catastrofe planetaria da loro chiamata, appunto, "l'ultima onda".
La tradizione tribale australiana scinde il compunto del tempo in due sistemi: quello oggettivo e quello del Sogno. Quest'ultimo è costituito da cicli, alla fine dei quali la Terra subisce l'Apocalisse. Gli aborigeni australiani vedevano l'Onda già trent'anni orsono. Un regista di Sidney, Peter Weir, tentò di avvertirne il mondo, ma come spesso capita ai registi più geniali fu frainteso. E Weir in seguito decise di dedicarsi a qualcosa di meno profetico e di più redditizio.
"
Il resto lo trovate qui.



Per i meno catastrofisti, esiste anche un'interpretazione che sta a metà tra la psicologia junghiana e la new age:
"In termini simbolici generali, l'onda del mare può avere a che fare sia con il movimento ritmico della forza vitale, sia con il sommovimento emozionale.
L'onda anomala può, pertanto, avere a che fare con un movimento particolarmente intenso della forza virtale, che sconvolge equilibri consolidati (e, quindi, può anche essere considerata come portatrice di novità); oppure può avere a che fare con un momento particolarmente intenso di sommovimento emozionale, capace di sconvolgere gli equilibri interni di una persona (mettendo in crisi, ma anche spingendo a nuovi equilibri evolutivi)
."

Devo dire che purtroppo la new age ha il brutto vizio di mischiare esoterismo, psicoanalisi, simbolismo e scienza, di modo da tirar fuori sempre queste risposte che vogliono dire tutto e niente. Ci avete mai fatto caso?

Spostandoci radicalmente, abbiamo anche l'interpretazione dei cospirazionisti, che citano il famoso dossier supersegreto del Pentagono, così supersegreto che sarebbe finito nelle mani dei giornalisti britannici dell'Observer:
"Il presidente statunitense George W. Bush e la sua amministrazione, secondo il quotidiano britannico "The Observer", hanno tenuto nascosto al mondo intero un rapporto commissionato quattro mesi fa sul mutamento climatico della Terra.
Un rapporto catastrofico secondo il quale, dal 2020 cambiamenti climatici potranno mettere a repentaglio non solo la sicurezza dell'intero pianeta ma, come ha chiaramente espresso Peter Schwartz - un consulente della CIA - addirittura quella "degli Stati Uniti d'America".
L’analisi scientifica lascia senza parole: l’Europa sarà interessata da una corrente del Golfo molto fredda che trasformerà la Gran Bretagna in una landa siberiana, l’Olanda sarà devastata dalle tempeste e moltissime altre città europee «spariranno» perché inghiottite dall’innalzamento dei mari in seguito allo scioglimento dei ghiacciai. Non finisce qua, perché oltre ai disastri appena elencati, il mondo sarà sconvolto da innumerevoli conflitti e guerre innescati dalla scarsità di cibo, acqua ed energia
."

A questo articolo, di cui non ci sono riscontri pratici, si ricollega tuttavia il risultato di un'interessante sondaggio psicologico fatto proprio sul tema dei sogni ricorrenti. Si tratta di una ricerca indipendente, ma piuttosto articolata, comparsa in Internet, conferma che il sogno dell’Onda apparirebbe in molte persone, e sottolinea come il sogno si presenti in modo ricorrente, soprattutto in Olanda e Regno Unito, proporzionalmente al numero di abitanti per chilometro quadrato.



La percezione che se ne ha è che si tratti di qualcosa relativo alla fine del mondo, cosi come lo conosciamo. Ma si tratta davvero di un'onda di acqua?
Persone che affermano di avere esperienze straordinarie di contatto con una dimensione invisibile (e poniamo pure che l’invisibile sia semplicemente l’inconscio) fanno esplicitamente riferimento a una anomalia spazio-temporale che colpirà la Terra.
Il mondo della fisica si sta confrontando attualmente proprio con le coordinate spazio-temporali che sono compresse entro la nostra galassia e alle forme di energia che sembrano disegnare, proprio al centro di essa, una immensa voragine di origine sconosciuta. Contemporaneamente sono progrediti gli studi sul funzionamento magnetico del nostro pianeta. Come riportato dal fisico e teologo italiano Giampiero Abbate, il cambiamento nel modo di considerare la fisica, così come è avvenuto negli ultimi vent’anni, sembra essere legato alla diversa percezione che cominciamo ad avere dell’essere umano. La realtà è sempre stata considerata tridimensionale, ma i contributi dati dalla teoria della relatività e dalla fisica quantistica di Max Planck ci hanno indicato che la realtà è quadrimensionale e in essa l’asse del tempo non ha una direzione precisa o unica: il tempo infatti sembra poter scorrere liberamente. La massa di un oggetto materiale deve essere considerata come un’energia che si propaga nello spazio-tempo. La fisica classica funziona per noi, che siamo collocati tra il piccolissimo e l’enorme. Ma se l’applichiamo alle particelle o all’universo, non funziona più. Noi siamo immersi in un cosmo nel quale l’energia si propaga in svariatissimi modi. Gli stessi fenomeni che osserviamo, stante la diversa direzione che la funzione tempo può assumere, potrebbero persino non avvenire nella sequenza che a noi pare di osservare.

Non manca, per finire, un riferimento all'Onda direttamente dalla Bibbia: "Ci saranno segni nel Sole, nella luna e nelle stelle, e sulla Terra angoscia delle Nazioni, che non sapranno come uscirne a causa del muggito del mare e del suo agitarsi, mentre gli uomini verranno meno per il timore e l’aspettazione delle cose che staranno per venire sulla terra abitata: poiché le potenze dei cieli saranno scrollate” (Luca 21:25-31).

"Vidi salire dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo." (Apocalisse)

E voi?
Mai sognato l'Onda?

Tags: esoterismo, misteri, protoscienza, psicologia spiccia, scienza
Subscribe

  • Nonni d'Africa

    Si è iniziato parlando di altro – ossia di ricette a base di coniglio – ma siamo finiti, almeno in parte, a fare una digressione sui nostri…

  • I mondi di Tullio Avoledo

    Seconda monografia che dedico a un singolo autore. Dopo Danilo Arona tocca a Tullio Avoledo, l'autore friulano a cui più volte ho fatto…

  • Demoni orientali e vapori italiani

    Session domenicale di sole segnalazioni sfiziose. Domenica prossima dovrebbe tornare il “dietro le quinte” di Borgo Pliss, visto che in…

  • Post a new comment

    Error

    Comments allowed for friends only

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

  • 24 comments

  • Nonni d'Africa

    Si è iniziato parlando di altro – ossia di ricette a base di coniglio – ma siamo finiti, almeno in parte, a fare una digressione sui nostri…

  • I mondi di Tullio Avoledo

    Seconda monografia che dedico a un singolo autore. Dopo Danilo Arona tocca a Tullio Avoledo, l'autore friulano a cui più volte ho fatto…

  • Demoni orientali e vapori italiani

    Session domenicale di sole segnalazioni sfiziose. Domenica prossima dovrebbe tornare il “dietro le quinte” di Borgo Pliss, visto che in…