?

Log in

No account? Create an account
ussaro

IL BLOG SULL'ORLO DEL MONDO

Scrittura, narrativa di genere, cinema, misteri, ucronia e altre amenità.

Previous Entry Share Next Entry
Prometeo e la guerra - 1935
ussaro
mcnab75


Prometeo e la guerra - 1935

di Alessandro Girola
161 pagine (formato A5, PDF)
eBook in download gratuito (PDF) (ePub) (Mobi)
- - -

Prometeo e la guerra, romanzo diviso in due, forse tre volumi, nasce e si sviluppa come un mix di generi, ispirazioni, suggestioni.

Il primo presupposto è quello ucronico. Il “what if?” è senz'altro una delle tematiche che più appassionano, da sempre. Del resto, da amante della Storia, non poteva essere altrimenti. Perfino la faticosa fase di documentazione è stata per me fantastica, esaltante.

Partendo da un finale diverso della Prima Guerra Mondiale, che in Prometeo e la guerra viene vinta dagli Imperi Centrali, la storia si sviluppa poi quasi vent'anni nel futuro, in un mondo piuttosto diverso da quello descritto nella cronologia ufficiale.

Diverso anche perché la vittoria austro-tedesca è stata determinata da un elemento che, in mancanza di termini più adatti, voglio chiamare steampunk. Anzi, dieselpunk. Scoperti i segreti di rianimazione di Victor Von Frankenstein, i Servizi Segreti di Vienna sono riusciti a creare un'armata di assemblati quasi invincibili: corpi rianimati, macchine da guerra implacabili e fedeli a chi li ha riportati in vita.

 

Dunque abbiamo ucronia, dieselpunk. Cos'altro? Direi thriller d'atmosfera, per quel che riguarda la prima metà del romanzo (1935) e storia d'avventura e di spionaggio nella seconda e ultima parte (1936). E senz'altro guerra in un eventuale terzo capitolo (1937).

Nelle mie intenzioni c'era la volontà di miscelare il tutto senza esagerare, ovvero nelle giuste dosi. Non credo ci sia preponderanza di un elemento sull'altro. Se il “what if” predomina in 1935, lo steampunk, timido per la prima metà della saga, si prende la sua rivincita da lì in poi. Troverete, come è lecito attendersi, alcuni anacronismi tecnologici (veicoli, aerei e altri mezzi meccanici che nella realtà avrebbero fatto la loro comparsa solo a metà degli anni '40, o all'inizio dei '50). Ma anche degli spunti weird, non certo per ultimo la presenza dei Prometei (gli assemblati) nella società dell'Impero Austro-Ungarico del 1935. Vi capiterà magari di incappare anche in qualche sensitivo dotato davvero di qualche potere paranormale, oppure in misteriosi scienziati che studiano le ley lines della Terra per utilizzarle come armi energetiche. Tanto per fare qualche esempio senza rovinarvi troppo la sorpresa.

Ma non preoccupatevi.

Anzi, sedetevi e godetevi il viaggio.

 

Troverete anche un bel po' di personaggi storici, maggiori o minori, realmente esistiti. Ovviamente molti di loro sono stati da me reinterpretati in base alle modifiche ucroniche che la storia richiedeva. Il tutto è scevro da messaggi etici, morali e, soprattutto, politici. Questa è solo fiction e vi chiedo di intenderla come tale.

1935 è indubbiamente un romanzo “incompleto”, perché parte di una saga. Non temete: il seguito è già in via di completamento. La realizzazione di un eventuale terzo capitolo dipenderà in buona parte dal modo in cui voi lettori accogliere i primi due. Da parte mia le idee non mancano, e la trilogia sarebbe senz'altro la formula più completa per ciò che ho in mente fin dall'inizio.

Spero solo, questo sì mi preme, di aver ricreato una certa eleganza di stile e narrazione, tipica di un'epoca che era al contempo cruenta e affascinante, ricca di suggestioni. Troverete magari un po' meno azione del solito, ma mi auguro di essere riuscito a offrirvi anche altro. Emozioni a più ampio spettro. Comunque questo me lo saprete dire voi.

Buona lettura.






  • 1
Lo scarico subitissimissimo!! :D

Glauco
(oggi l'openID non mi funziona :/ )
http://31ottobre.blogspot.com

:-)

Riguardo ai tempi di lettura, non preoccuparti. Anch'io sono molto indietro. Purtroppo è un periodo avaro di momenti tranquilli...

Thanks a lot brotha, questo sì che è un buon pasto.

Scaricato e già iniziato. Certo che è lunghino, eh!
Temistocle

In termini tecnici dovrebbe essere un romanzo breve...

Preso! ;)

hell

1935

(Anonymous)
Preso! grazie Alex

Andrea "hawksmoor" Scatena

Ciao Alex, non avevo mai letto nulla di tuo ma devo dire che questo mi ha preso bene fin da subito, tanto che l'ho finito in mezza giornata pur leggendolo al computer. Mi è molto piaciuta l'idea degli assemblati e l'umanità che ne traspare in alcuni episodi (su tutti il dialogo con Baffone), anche i rimandi al cinema e ad alcune teorie scientifiche non appaiono forzati. Buona costruzione storica che si tiene quasi sempre al riparo dal pericolo dell'infodump, in generale l'opera scorre molto velocemente e non ha tempi morti, tutto dai dialoghi agli accadimenti è funzionale allo sviluppo della vicenda e questo è un bene. Ho trovato qua e là refusi, che comunque non inficiano il valore intrinseco, ben dipanato anche il rapporto tra Enrico e la bella agente segreta (dai che non è morta davvero!). In sostanza una lettura che mi è piaciuta, con ben calibrati colpi di scena e una gestione degli sviluppi a vari livelli (indagine sul primo omicidio collegata a intrighi politici internazionali) ben pensata e credibile. Ora attendo il seguito e intanto ti faccio i complimenti. Di rado mi metto a leggere qualcosa quando ho già iniziato un libro (sto leggendo "Il maestro di scherma" di Perez Reverte), stavolta l'ho fatto e ne è valsa la pena.

Alfredo Mogavero.

Ciao Alfredo, complimenti per la velocità di lettura e grazie per l'approfondita analisi che hai fatto!
Lieto che 1935 ti sia piaciuto. So che è un genere piuttosto particolare, non classico né godibile per tutti. 1936 sarà un po' più d'azione, con meno preamboli introduttivi.
Ti chiedo il permesso di poter copiare e incollare il tuo commento sulla pagina di Lulu dedicata al romanzo.
Intanto ancora grazie mille per le belle parole!

be', certo che puoi. a rileggerci!

Scaricato e già lette le prime pagine.

Me lo scarico subito.Ti farò sapere,non ti posso promettete che lo leggerò subito perchè neanche per me è un periodo tranquillo(sopratutto a causa del lavoro)quindi spero che avrai pazienza.Comunque il genere mi affascina.Complimenti.Ciao
Nick

Tranquilli, leggete con calma, senza fretta ;)

Willywilly

(Anonymous)
Letto anzi divorato (troppo corto!!!)
Solo 2 postille:
1) smettila di farmi intravedere le tecnologie e poi nascondermele(Prometeo ect ect)sono tecnofilo se mi fai vedere poi voglio tutto dettagli schemi ect ect
2)Non è una critica ma, odio i libri che introducono tante cose poi sapendo che devo aspettare il libro successivo fantastico troppo e mi aspetto tomi come la divina commedia

Grazie per avermi letto!
Troppo corto? Dai, col secondo volume avrai altre 160 pagine circa da leggere... se poi aggiungerò il terzo (1937) diventerà un bel malloppo :)

Riguardo alle tecnologie, sono diventato meno "infodumposo": più spazio alla storia, meno alla parte bullonara (senza però abbandonarla, si capisce). Spero che il risultato sia bilanciato e gradevole ;-)

sono incontentabile!
a me piace bullonaro e tecnico all'estremo!
però è un ottimo inizio!
primo capo

Finito ora! Allora andiamo con il sintetico giudizio: bello! ...peccato che sia finito. Il finale lascia con l' amaro in bocca (ma tanto so che esce il seguito) l' unica nota negativa è che, forse per le poche pagine a disposizione, c'è poca analisi dei personaggi che risultano appena tratteggiati. La protagonista diventa simpatica verso la fine del racconto mentre subito si prova empatia verso l' Assemblato che viene descritto magnificamente sia sotto il punto di vista visivo che psicologico. Comunque questi sono i racconti per i quali viene voglia di comprare un e-reader!
Beppe
www.beppeiaf.altervista.org

Appena terminato, rece in arrivo. Per ora posso dire solo una parola: chapeau.

Et voilà, il Siore è servito. Recensione in linea sul mio blogghetto e sul forum Altieri. See ya.

  • 1