Alessandro "McNab" Girola (mcnab75) wrote,
Alessandro "McNab" Girola
mcnab75

Come sopravvivere a un attacco di Gialli (vademecum a cura del Ministero dell'Interno)

 


Mettiamo online un vademecum del Ministero dell'Interno, diramato sul finire del 2013, quando le cose erano oramai precipitate, nonostante il Governo Italiano negasse ancora l'evidenza.

Il documento originale non è più reperibile online. Questa versione “ritoccata” e leggermente modificata è a opera di uno dei tanti comitati d'emergenza nati mentre i pezzi grossi si preparavano a lasciare la nave che affondava. Utile? Fino a un certo punto, diremmo di sì. Anche se, oramai, molte delle indicazioni che dà appaiono tanto sorpassate quanto grottesche (Forze dell'Ordine? Punti di raccolta?). Ottime invece le indicazioni su come combattere i Gialli. Tenetene conto, anche se di certo moltissime cose le saprete già.

 

Come sopravvivere a un attacco di Gialli

 

Il Ministero degli Interni ci tiene a ribadire ancora una volta che le Forze dell'Ordine sono perfettamente in grado di contrastare ogni possibile minaccia derivata da contagiati all'ultimo stadio (comunemente detti “Gialli”). A ogni modo questo vademecum, studiato dalla Commissione d'Emergenza contro la Pandemia, potrà tornarvi utile qualora vi trovaste assediati in zone isolate.

In questo caso il consiglio primario è uno solo: barricatevi in casa e attendete fiduciosi i soccorsi. Ciò nonostante potrebbe comunque presentarsi l'eventualità di dover affrontare piccoli o grandi gruppi di contagiati. In tal caso il presente vademecum sarà molto utile per impostare al meglio il vostro sistema di sopravvivenza.

 

Ecco la lista di consigli utili, in caso vi trovaste in presenza di un vasto focolaio di contagiati:

 

 

  • Imparate a riconoscere tutti i sintomi di un contagio da parte del Prione di Lee-Chang. A tal proposito fate riferimento al documento 0988_2013_06_22 (“Informativa sul morbo di Lee-Chang”) disponibile presso le vostre autorità comunali, presso il più vicino Comando dei Carabinieri o sul sito http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/.

     

  • Familiarizzate con tutti i negozi locali che vendono armi e munizioni. Ricordate però che le deleghe relative al porto d'armi sono soggette alle restrizioni elencate nel Decreto Legge 19 aprile 2013.

     

  • Calcolate il percorso più veloce e sicuro per raggiungere le città più vicine o, in mancaza di esse, i centri commerciali (o supermercato) di zona. Ricordate che, in caso di evacuazione, saranno proprio i centri commerciali a fungere da punti di raccolta per tutti coloro che non necessitano di cure ospedaliere.

     

  • Stilate una tabella di razionamento di cibo, acqua e benzina, considerando un periodo minimo d'isolamento di almeno sette giorni.

  • Se qualche vostro vicino di casa dispone di un rifugio più sicuro del vostro, valutate l'idea di chiedergli ospitalità, magari condividendo in cambio razioni, armi e turni di guardia.

     

  • Procuratevi un'arma e imparate a usarla.

     

  • Tenete sempre pronto un “kit d'emergenza”, comprendente una torcia elettrica, antidolorifici, antibiotici ad ampio spettro, cibo in scatola, acqua in bottiglia, una radio (o televisione) alimentata a batteria, un cellulare.

  • In caso di conclamata presenza di contagiati nel raggio di un chilometro dalla vostra abitazione, provvedete a indossare sempre delle adeguate protezioni nel caso doveste uscire di casa: guanti sterili, maschera di garza, calzature chiuse e robuste.



 

Combattere un Giallo

 

Poche, semplici regole da tenere a mente nel caso veniste coinvolti vostro malgrado in un combattimento con uno o più contagiati.

 

  • Cercate in ogni modo di evitare il contatto fisico col vostro avversario. Sangue, saliva e altri liquidi corporei sono agenti di trasmissione del Prione Lee-Chang.

     

  • Il fuoco è un'ottima opzione, se avete abbastanza spazio per poterlo maneggiare senza subirne le conseguenze. Se ne siete capaci optate per la fabbricazione di bombe incendiarie artigianali (molotov), da usare anche contro avversari che vi superano in numero.

  • NON, ripetiamo, NON tentate di fingervi dei Gialli. C'è qualcosa nell'odore dei contagiati, o forse si tratta di feromoni, che permette loro di riconoscersi e di non attaccarsi a vicenda. Ricordate: Giallo non attacca Giallo, ma Giallo riconosce non-Giallo.

     

  • I contagiati all'ultimo stadio hanno maggiore resistenza alle ferite e una soglia del dolore molto alta. Quindi, se li dovete colpire, colpiteli in punti vitali: testa, cuore, gola. Meglio ancora se lo potete fare a distanza di sicurezza, evitando così di essere così schizzati da sangue infetto.



 

Nascondigli improvvisati

 

Una delle peggiori eventualità è quella di trovarsi lontani da casa durante un attacco di Gialli. In tal caso ci sono dei nascondigli consigliati e altri sconsigliati. Vediamoli insieme.

 

Nascondigli consigliati:

 

  • Edifici scolastici o universitari, specialmente se dotati di strutture di ristorazione.
     

  • Centri commerciali, supermercati, minimarket.
     

  • Stazioni di Polizia, Comandi dei Carabinieri, Stazioni dei Vigili del Fuoco, presidi militari.
     

  • Bunker.

 

Nascondigli sconsigliati:

 

  • Qualsiasi edificio che non garantisca una via d'uscita d'emergenza.

  • Edifici con troppe vie d'uscita da sorvegliare e non dotate di porte o finestre sufficientemente robuste da resistere all'assalto di una massa consistente di corpi rabbiosi.

  • Vetture e autoveicoli di cui non avete le chiavi. A meno che non si tratti di blindati.

  • Ospedali e centri di primo soccorso non più presidiati dalle Forze dell'Ordine.


Tags: survival horror, zombie
Subscribe
  • Post a new comment

    Error

    Comments allowed for friends only

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

  • 22 comments