?

Log in

No account? Create an account
ussaro

IL BLOG SULL'ORLO DEL MONDO

Scrittura, narrativa di genere, cinema, misteri, ucronia e altre amenità.

Previous Entry Share Next Entry
Cap Day e altre prime visioni (angolo malinconia)
ussaro
mcnab75



Era il 1994, avevo 19 anni.

Era l'epoca in cui iniziavo a capirci di cinema, nel senso che avevo maturato un senso critico in grado da farmi distinguere le boiate dai buoni film. In passato non era proprio così. Pensateci: se avete più o meno la mia età, da adolescenti riuscivate a farvi andar bene film ignobili come The Barbarians e La casa 5. Anzi, vi sembravano perfino fighi. Poi col tempo, grazie a Dio, si riesce ad accendere qualche neurone.

Ma sto divangando a manetta. Dicevamo, era il 1994. Io e i miei amici eravamo in piena hype per l'uscita di Stargate. Avete presente, no? Doveva essere il film in grado di resuscitare la fantascienza sul grande schermo etc etc. Quindi, da veri fan, dovevamo vedercelo alla prima.

Fate conto che hai tempi non c'erano i multisala, bensì i semplici, bellissimi cinema classici. Che io, per inciso, rimpiango da morire. Ricordo che quella sera, allo spettacolo delle 21, la sala era strapiena. Eppure il titolare aveva fatto entrare più gente rispetto ai posti a sedere disponibile. Infatti gli ultimi arrivati alloggiavano sui gradini e alcuni anche in piedi!

Fu uno spettacolo nello spettacolo, con tutto che Stargate si rivelò un buon film, ma non certo trascendentale.

 

 

Negli anni a seguire ho provato altre volte un hype considerevole nell'attesa che uscisse al cinema questo o quel titolo. Quella più grande era per il ritorno di George Romero. Per Land of the dead ho fatto un countdown di mesi. Cazzolina, era la prima volta che avevo l'occasione di vedere il magnifico George direttamente sul grande schermo! Peccato che poi il film si rivelò deludende. Dov'era finita la magia della prima trilogia? Esaurita, probabilmente. Inghiottita dagli interessi di botteghino e dalla senilità.

 

Poi ci sono state le occasioni in cui, pur senza hype, alcuni film visti al cinema si sono rivelati fulminanti. Mi viene in mente per esempio Il seme della follia, o il primo capitolo de Il signore degli anelli. Ma non era prime visioni. Non c'era quel senso di attesa spasmosida legato al periodo nerdico della mia vita. Altri film molto più belli ho dovuti vederli in DVD o in streaming perché in Italia non li hanno mai passati. Fate voi come siamo messi...

Col film su Capitan America ho forzatamente ricostruito quell'atmosfera. Oddio, forzatamente fino a un certo punto. Il Cap è da sempre uno dei miei supereroi preferiti, e le atmosfere dieselpunk sono sempre graditissime da queste parti. Tutto il resto diciamo che è cresciuto grazie allo scambio di battute in Rete, a Facebook e a un po' di ritrovato entusiasmo giovanile.

Quindi stasera sarò lì in prima fila, pregando di non dovermi sorbire una schifezza monumentale.

Seguiranno nei prossimi giorni la recensione e una speciale top 5 sui miei supereroi preferiti.

 

Intanto però la domanda è d'obbligo: per quali film avete provato grande senso di aspettativa, al punto da essere lì a fare la fila in biglietteria, la sera della prima? E mi sa che qui scatta l'angolo malinconia...

PS: per la foto di questo post ringrazio Fra Moretta!





  • 1
Io per Dracula di Coppola, direttamente contrapposto a Guardia del Corpo.
Per Dracula causai una scissione nel gruppo di amici... :D
Però, ecco, c'è da dire che è rimasto un bel film, nonostante gli anni che son passati.

;)

Dracula è un altro dei film che ho visto in prima visione! Me lo son ricordato solo ora che l'hai citato.
Ricordo anche che davanti a noi c'erano degli idioti che criticarono il film (probabilmente si aspettavano un blockbuster molto più action) con cui litigammo :D

La seconda trilogia di Star Wars, tanto che il terzo l'ho visto in prima assoluta e contemporanea mondiale, tipo alle due di notte. E poi Land of the Dead, perché è stato più o meno il periodo in cui mi sono avvicinato ossessivamente all'horror (prima era una così un po' così, tipo un film ogni tanto) proprio partendo dalla trilogia zombesca di Romero. :)

Ma dai?
E io che ti facevo un tipo horror di lungo corso...
Con Land of the Dead non hai iniziato al meglio, ma poi hai recuperato alla grandissima con la prima trilogia romeriana :)

Lo squalo. Il primo... ero piccolo e ricordo di non aver lasciato dormire i miei genitori fino ad aver ottenuto un bel "sì, ti portiamo!".

Poi Jurassic Park. Andai all'anteprima con un amico. Eravamo schiacciati nella sala d'aspetto, praticamente con la guancia pressata contro il legno delle porte d'accesso in sala. Ricordo che chiacchierai con un collega di lavoro che mi aveva visto dall'alto dei suoi due metri... era schiacciato contro una colonna, non lontano da me.

La compagnia dell'anello. Anche questo in anteprima, assieme a un amico. Di tutto quanto ricordo che l'amico, uscendo, disse "hanno copiato da star wars, gli ometti assomigliano agli orsetti di star wars" (si riferiva agli ewoks...). L'avrei strangolato in pubblico! E tutti lo/ci guardavano male...

Ah ah ah, immagino gli sguardi dei fans di Tolkien davanti a quest'affermazione ingiuriosa :)

Comunque queste follie da prima visione vanno fatte, almeno ogni tanto, perché sono memorabili :)

Vale un film che purtroppo nn ho potuto vedere al cinema ma solo in vhs perchè ero troppo piccola quando è uscito?
Sono certa che avrei fatto la fila eccome per vederlo!!
Labyrinth-Dove tutto è possibile. :)

Io ebbi una hype pazzesca per il primo Spider-man,all'epoca l'arrampicamuri era ancora il mio supereroe preferito prima che Quesada lo stravolgesse (Grazie Mr. Q!:-() e l'idea di un film fatto bene sul tessiragnatele mi mandava in trip.Poi lo stesso vale per "Il signore degli anelli" ma con Spidey fu una cosa unica,anche perchè il film mi piacque molto.

sniff, sniff... 'spetta, mi asciugo le lacrime e rispondo.

L'ultimo orgasmo da fila al botteghino di cui ho memoria fu per "La Compagnia dell'Anello", con ex fidanzata ostinatamente antifantasy ma lo stesso conquistata dal generale nerdtusiasmo per l'evento. Sì, quel giorno in sala c'erano decine di spettatori vestiti da Elfi, Nani o Raminghi e non era né Halloween né carnevale.

Più indietro nel tempo... uhmm... i ricordi più vividi sono per "La storia infinita" (ma ero protoadolescente); e "Indiana Jones e l'Ultima Crociata". Ma anche "Intervista col Vampiro" e il "Frankestein" di Kenneth Branagh (bello, tanto, a confronto del Thor dello stesso!)

Più di recente (quindi con piena cognizione di causa): "V for Vendetta"; "Watchmen"; OGNI episodio di "Pirati dei Caraibi" (questa è imperdonabile, lo so, ma sono un idiota fan accanito della serie e neppure riesco a capire perché) e - okay, frustatemi - tutti gli "Harry Potter"; "Solomon Kane" (mi aspettavo taaanto di più).

Condivido il tuo rimpianto per le sale di un tempo e confesso che ormai preferisco di gran lunga il mio multipollici al plasma in salotto a un cinema bivacco di bimbiminchia, adolescenti cerebrolesi telefoninodipendenti, genitori ignoranti che neppure sanno che cosa portano i figli poco-più-che-neonati a vedere (e infatti scoppiano in pianto dopo 11 minuti di programmazione, cazzooo!) e in cui si è del tutto perduto (questo lo trovo DAVVERO preoccupante, a livello sociologico) il senso della "ritualità" della visione in sala. Ci sono bellissime, quasi liriche pagine di Francesco Casetti ne "L'occhio del Novecento" (Bompiani) su questo tema.

willywilly77

(Anonymous)
Allora stressai l'anima a mia madre per vedere Mission, solo per le musiche di Morricone ma, apprezzai dopo il film, senza tralasciare nel 88 trappola di cristallo mi tocco fare la fila in mezzo a 2 donne che si lamentavano del tempo.
Invece il mio film da grande con più hipe (fucilatemi ma e cosi) è Last action Hero colonna sonora da urlo e una serie enorme di citazione da film action.....

  • 1