Alessandro "McNab" Girola (mcnab75) wrote,
Alessandro "McNab" Girola
mcnab75

A song of Ice & Fire: perché sì



Articolo breve ed essenziale rivolto a coloro che, in seguito a qualche mio commento su Facebook, si sono scandalizzati nel venire a conoscenza che io adoro– senza se e senza ma – George R.R. Martin e la sua nota saga fantasy.


A prescindere che trovo stucchevole il fatto che debba “giustificare” una mia passione, pur partendo dal presupposto che ciascuno è libero di pensarla in modo radicalmente contrario, tenterò di riassumere in brevei motivi per cui adoro A song of Ice and Fire.






  • Perché lo stile di Martin è contrario a tutte le regole non scritte del fantasy: usa il turpiloquio, fa morire i personaggi principali, abbonda nell'inserire scene di sesso, di violenza e di bassezze morali varie & assortite.




  • Perché nei suoi libri non ci sono le solite razze fantasy – nani, elfi, hobbit – ma solo umani, divisi più per etnie e per confini politico-geografici che non per divino decreto dell'autore.




  • Perché mi piacciono i fantasy dinastici.




  • Perché l'utilizzo della magia e dei componenti “soprannaturali” è ridotto al minimo indispensabile, o ancora meno.




  • Perché la linea di demarcazione tra personaggi positivi e negativi è quasi del tutto inesistente, o quantomeno invisibile. Così come succede nel mondo reale.




  • Perché le storie collaterali, gli intrallazzi di corte e quelli amorosi/sessuali valgono tanto quanto le scene di battaglia etc etc.




  • Perché in alcuni punti la saga difetterà pure di originalità, ma a me non frega assolutamente una mazza di tutto ciò.




E poi, dulcis in fundo, mi piace perché sì. E voi potete scrivermi venti pagine di commenti spiegandomi perché A song of Ice and Fire vi fa defecare, ma non dovete avere la presunzione di cercare di farmi cambiare idea. Se invece ce l'avete probabilmente necessitate di cure psichiatriche, oppure avete molto tempo dabuttare al vento.

Ovviamente il discorso va ben oltre i libri di Martin.

Dopo le solite tiritere sulle critiche letterarie fatte secondo ben noti criteri jihadisti, parte della blogosfera sta passando alla fase 2: far passare per scemo chi non si allinea con certe opinioni stabilite per regio decreto.

- Il sapiente: «Ma come fa a piacerti la pasta alla carbonara? Lo sanno tutti che famale, che è meglio quella al pomodoro, semplice ed essenziale»
- Alex: «Ma ame piace così com'è. Deve esserci un motivo particolare? Ti cambia qualcosa nella vita se mi mangio una fottuta carbonara?»
- Il sapiente: «Ma non è giusto farlo. Quindi se continui a mangiare la carbonara vuol dire che non ne capisci niente di pasta.»
- Alex: «Me cojoni!!!»">
Tags: a song of ice & fire, fantasy, game of thrones, george r.r. martin
Subscribe
  • Post a new comment

    Error

    Comments allowed for friends only

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

  • 37 comments
Previous
← Ctrl ← Alt
Next
Ctrl → Alt →
Previous
← Ctrl ← Alt
Next
Ctrl → Alt →