ussaro

Un obolo per salire sulla Nave dei Folli



Dopo il release di Zombie Toast, poco più che un divertissement per i miei lettori più duri e puri, dedicherò questi giorni alla conclusione del primo editing de La nave dei folli, seguito della novel Il treno di Moebius. Dovrebbe uscire per Natale o poco dopo, dipende dai vari processi di postproduzione che innescherò da qui a breve.
Inizialmente pensavo a La nave come al mio terzo ebook non gratuito. Una novel di media lunghezza (120 pagine circa) al consueto prezzo di 0.99 euro. Agli occhi delle persone di buon senso pare una proposta onesta. Poi però ci sono dei fattori che mi hanno fatto cambiare idea.
Nonostante la diffusione sempre più capillare degli ereader e l'aumento spropositato dei download riguardanti gli ebook gratuiti (o piratati), il pubblico italiano fa ancora una fatica boia a scucire un euro per comperare un prodotto digitale. Problema non solo mio, a quanto pare, bensì di un po' tutto il settore. I motivi della difficoltà a ingranare sono, a mio parere, molteplici.
Collapse )
ussaro

I mondi di Tullio Avoledo



Seconda monografia che dedico a un singolo autore. Dopo Danilo Arona tocca a Tullio Avoledo, l'autore friulano a cui più volte ho fatto riferimento qui sul blog, parlando della sua arte come di un'ipotetica “scrittura ideale”, almeno per quel che mi riguarda.
Esattamente come è accaduto per buona parte dei suoi lettori, anch'io ho conosciuto Tullio grazie a L'elenco telefonico di Atlantide, romanzo d'esordio del 2003, pubblicato da Sironi. Raro esempio di libro “di genere” apprezzato anche dalla critica benpensante e snob, L'elenco è un thriller impreziosito da robuste iniezioni di cospirazionismo, fantascienza ucronica e perfino con spruzzate di urban fantasy alla Gaiman. Il colpo di genio di Avoledo è stato quello di riuscire a nascondere il tutto sotto l'apparente trama thrilleristica, filone sdoganato da anni al grande pubblico, per arrivare quindi a lettori di solito non amanti delle derive “fantastiche” dei romanzi di genere.
Ovviamente si tratta di pregiudizi stupidi e retrogradi ma, non potendo sconfiggerli, la strategia di Avoledo si è rivelata la più efficace possibile. Il tutto unito ovviamente a una scrittura fresca, briosa, ironica eppure mai priva di una certa profondità.
Collapse )
ussaro

Happy B-Day Survival Blog



Come già sapete, lo scorso anno, in questi giorni, nasceva - in modo del tutto spontaneo e istintivo - il Survival Blog.
Un esperimento di scrittura partecipativa accomunata da uno scenario condiviso. Ridendo e scherzando questo giochino ha prodotto ben nove ebook (e altri arriveranno, o almeno credo), quaranta storie a puntate pubblicate su altrettanti blog, una trentina di articoli (di cui alcuni comparsi su dei giornali non tipicamente "di genere"), quattro videoclip, un concorso fotografico, diverse copertine create ad arte da Luca Morandi.
Tutto ciò lo trovate sulla pagina ufficiale del SB, versione 2.0.
C'è anche una fanpage su Facebook con ben 320 iscritti.
Un modo simpatico per celebrare il primo anno di vita è quello di pubblicare qualche immagine pescata qua e là dalle varie storie pandemiche. Anche se personalmente non sto scrivendo null'altro (non per ora) in materia, mi fa piacere sapere che altri partecipanti ci offriranno presto nuovi contributi.
Collapse )
peter cushing

Top 5: Cinque libri illustrati



Come già avrete intuito da alcuni dei miei ultimi post, in questo periodo sono tornato a occuparmi di una passione tanto intrigante quanto costosa: i libri illustrati.
Vere e proprie opere d'arte, si tratta di volumi quasi sempre rari, di difficile reperibilità e costosi. Spesso e volentieri sono però delle fonti d'ispirazione impareggiabili, per effetto di quella connettività che da sempre unisce le varie arti: visive, scritte e parlate.
In questa Top 5 di oggi vi segnalo cinque libri illustrati che vorrei avere qui, in questo momento. Uno di essi in realtà è già arrivato ed è valso tutti gli 80 euro spesi per averlo. Gli altri li ho “sbirciati” grazie a Google Images e, chissà, magari un giorno entreranno a far parte della mia libreria.
Collapse )
alex mcnab zombie

Zombie Toast (a birthday novel)



Butto l'occhio al calendario che, implacabile, mi confida che oggi è il mio compleanno.
Voci di corridoio dicono che siamo a 36 candeline. L'aspetto fisico è senz'altro più clemente di quanto racconta la carta d'identità, mentre salute ed energie hanno già iniziato il processo regressivo, la corsa verso il Nulla. Come vedete l'ottimismo è sempre di casa :)
Anyway, come ogni compleanno sull'Orlo del Mondo che si rispetti, anche quest'anno vi faccio un regalo.
Nel 2010 toccò al Survival Blog, che nacque per caso, non certo prevedendo ciò che sarebbe diventato da lì a una settimana (credo che anche la Crisi Economica sia nata più o meno in questo modo).
Visto che buona parte dei miei lettori mi vede come zombie guy italiano ho pensato per una volta ad accontentare gli aficionados del genere. Ed è così che nasce Zombie Toast (a birthday novel), un raccontino di 20 pagine in formato A5. Il PDF è scaricabile gratuitamente qui.
Impaginazione e copertina sono a cura del sottoscritto, scelta dovuta al desiderio di fare una sorpresa davvero a tutti. Quindi se fanno schifo è solo colpa mia.

Zombie Toast è un racconto di zombie un po' particolari. Il protagonista sono io, omaggiando il Survival Blog, ma le cose andranno un po' diversamente rispetto allo scorso anno. Non prendetelo nemmeno poi tanto sul serio, così come ho fatto io in fase di scrittura.
Lo dedico con gran piacere a chi mi vuole male, ai criticoni e a chi ha sempre da ridire su tutto. Chi lo leggerà capirà perché ;-) Ma, anche in questo caso, è una dedica ironica, non rancorosa.
Collapse )
ussaro

Ritorno alle Quattro Terre



Anche se non leggo i nuovi romanzi di Terry Brooks da oramai qualche anno non posso – né voglio – ripudiare la grande stima che provo per questo autore.
Lui, più di Tolkien di Howard e di tanti altri mostri sacri, mi ha iniziato a un certo tipo di letture. Parlo di fantasy, ai tempi in cui questa parola non coincideva automaticamente a “cretinate”. Tra l'altro si tratta di una valutazione sfalsata dalla quantità abnorme di schifezze importate sui nostri scaffali dalle case editrici italiane. Altrove il fantasy è ben altra cosa, vivvaddio, ma ogni paese ha in fondo gli editori che si merita.
Ma non è di loro che voglio parlare, bensì di zio Terry.

Che si sia proposto al mercato internazionale come una sorta di clone di Tolkien oramai lo sanno anche i sassi. Era il 1977 e il libro era La spada di Shannara.
A casa mia la spada arrivò in formato Oscar Mondadori attorno al 1985, quando il fantasy cavalcava l'onda lunga dei librogame, che a quei tempi riscuotevano un successo strepitoso, seguiti subito dopo da Dungeons & Dragons e altri giochi di ruolo. Eravamo una generazione con molta immaginazione e tanta creatività.
Nel giro di un paio di anni recuperai anche Le pietre magiche di Shannara – uno dei migliori romanzi di Brooks – e La canzone di Shannara.
Collapse )
ussaro

Darkened (di Bryan Smith)



Darkened
di Bryan Smith
Bitter Ale Press edizioni
5.74 dollari in formato ebook
(Lingua inglese)

Sinossi

Il tessuto dell'universo sta avendo una “smagliatura” laddove si trova la Terra, il nostro piccolo, insignificante eppure importantissimo pianeta. Eventi strani e inquietanti iniziano a verificarsi un po' ovunque. Mentre il Presidente degli Stati Uniti è in diretta televisiva per informare i cittadini di quanto sta avvenendo, un tentacolo oscuro sbuca da una parete e uccide il comandante in capo della più grande superpotenza del pianeta.
Da quel momento in poi le cose precipitano: piccoli e grandi portali dimensionali si aprono casualmente in tutto il mondo. Da essi escono creature simili a pipistrelli umanoidi, dotati di tentacoli, zanne e veleno. Come sciami di locuste si lanciano contro ogni bersaglio in vista, provocando milioni di morti.
Ma questa è solo la prima ondata di guai provocati dalla frattura al tessuto della realtà. La vita vegetale del pianeta sembra ammalarsi e inizia a morire. Poi tocca agli oggetti meccanici, che man mano cessano di funzionare e si deteriorano a ritmo innaturale.
Chi sopravvive a tutto ciò si trova a calcare un mondo molto diverso da come lo conosciamo. Questa è la loro storia.
Collapse )
alex mcnab zombie

Bonsai, esploratori e guerrieri



Il Mercoledì notte sta diventando un appuntamento semi-fisso con le segnalazioni "veloci", ma non per questo meno succose.
Oggi vi anticipo la rubrichetta di qualche ora, visto che stasera sarò offline causa pizzata+partita. Poi ci si ribeccherà domani per una recensione, probabilmente nel pomeriggio o giù di lì.
Anyway, pronti col blocco per gli appunti. Le segnalazioni di oggi sono queste.

In primis vi consiglio di scaricare Bonsai, la raccolta di racconti brevi e brevissimi scritti da Nicola Corticelli. Innanzitutto è gratuito, il che non guasta mai. In secondo luogo alcuni di questi pezzi, specialmente quelli di fantascienza, sono molto godibili. Terzo, la narrativa breve è perfetta nel formato ebook. E' un parere personale, si capisce, ma vedo che sempre più lettori lo condividono. A ogni modo, in questo post trovate le coordinate per scaricare l'ebook, tra l'altro impaginato dai soliti noti ;-)
Collapse )
ussaro

Borgo Pliss (12): Il Cerchio della Vita



19 settembre

Massimo e il suo interlecutore sono seduti nel parco prospicente l'accademia, su una panchina di pietra seminascosta dall'erba alta. Il tizio in bicicletta ha con sé una sacca piena di prelibatezze: acqua fresca in bottiglia, panini imbottiti con formaggio e lattuga, ciliegie e albicocche. Ha offerto da mangiare allo scrittore. I due si sono piaciuti subito. Hanno anche scoperto di essere quasi colleghi.
Il ciclista si chiama Danilo Somma ed è un giornalista freelance di cronaca nera. Pur non essendone certo al 100% Massimo crede di aver anche letto qualche suo vecchio articolo. Del resto Somma, prima di finire lì, si occupava di quei casi singolari e bizzarri che per uno scrittore sono oro colato: assassini efferati, leggende metropolitane, avvistamenti di Ufo e pantere a spasso per la Pianura Padana.
Mentre mangiano Danilo gli spiega come è finito lì, sette anni fa: in un periodo particolarmente sciatto della sua vita, tra divorzio e alcolismo, indagava sulla storia di un misterioso architetto, collega e amico del fantomatico Emilio Varelli, personaggio che ha ispirato la Trilogia delle Madri di Dario Argento. Ovviamente si tratta del Pliss. Danilo ne aveva sentito parlare in un convegno di appassionati di alchimia ed occultismo, a cui ogni tanto partecipava per trovare l'ispirazione per scrivere qualche articolo.
Alla fine, durante una notte di pioggia in cui si aggirava alla ricerca di chissà quale indizio, Danilo si è ritrovato nel Borgo.
Collapse )
ussaro

Il borsino delle passioni



Uno dei commenti che ricevo più frequentemente è "Ma come fai a scrivere così tanto?"

Osservazione che nasce da una prospettiva leggermente distorta delle cose ;-)
In realtà io sì, scrivo tanto, ma assai meno di molti stimati colleghi che frequentano questi lidi. Forse do l'impressione di produrre più della media grazie agli aggiornamenti quotidiani del blog. In effetti una cosa che pochi considerano è il tempo speso per scrivere gli articoli che leggete ogni giorno. Una recensione porta via un'oretta, una Top 5 anche, un dossier ne richiede cinque o sei. Perfino un post di apparente cazzeggio come questo mi ha "rubato" due ore abbondanti per realizzarlo.

Riguardo a romanzi e racconti non supero il formato novel dai tempi di 1937. E dubito che cambierò registro da qui a breve.
Comunque, sì, è una bella mole di roba scritta prodotta di settimana in settimana.
Va da sé che, vita reale esclusa, la scrittura ruba il tempo ad altre passioni affini. In breve ecco come sono cambiate le mie abitudini in tempi di blogging "professionale".
Collapse )